2012/07/06

Se usi il Sync non sei un vero dj...

 

Forse ho già scritto sull'argomento... ma magari non tutti hanno letto e comunque è un tema che si ripropone ciclicamente... comunque...

Ultimamente... sui vari social network sono spuntati una cifra di post sull'argomento Sync, una funzione che si trova sulla maggior parte dei software per mixare che usano i dj come Traktor, Serato, Virtual DJ, ecc... Nello specifico, questa funzione permette di sincronizzare automaticamente il tempo delle tracce che vengono caricate nei deck che andranno in esecuzione e quindi mixate tra loro, senza troppa fatica, senza che il dj faccia il classico gesto con la cuffia appoggiata sulla spalla e il piedino che batte il tempo...

Mi ha fatto molto ridere il post con la foto di Claudio Coccoluto col dito alzato come dire "stai attento!" e la scritta che riporto testualmente: SE USI IL SYNC NON SEI UN VERO DJ!


Mi ha fatto ridere principalmente per due ragioni: la prima è che Claudio Coccoluto è davvero un dj produttore della vecchia scuola, nello specifico ha sempre suonato solo con i vinili anche dopo l'avvento dei cdj della Pioneer che ormai sono divenuti uno standard nelle consolle in tutto il mondo... anzi, credo che tutt'ora faccia le sue serate utilizzando solo i dischi in vinile e facendosi montare appositamente un coppia di Technics 1200 per i suoi djset. La seconda ragione è per la frase... non sei un vero dj... he, he...

Ma oggi giorno, chi è un vero dj??
Sono veri dj gli artisti TV che non chiama più nessuno a fare le così dette "ospitate" e si riciclano dj per fare qualche serata in discoteca? Le pornostar che con le tette al vento che padroneggiano la consolle circondate da ragazzini con la lingua di fuori e il pistolino in tiro? Sono veri dj quei produttori di musica dance che si presentano alle serate col djset premixato chi sa da chie, masterizzato su cd e che smanettano il cutoff in continuazione sul mixer? Io non lo so più chi è un vero dj... ma questi personaggi per me non lo sono.

A livello personale posso dire che Io ho cominciato nell'89, c'erano solo i dichi in vinile per i dj... i cd erano costosi e cd player ad uso disco non erano neppure immaginabili... quindi si faceva tutto a mano, sync con il pich control, mix come nella migliore delle tradizioni col mixer. Nel '98 mi sono comprato i primi cdj della Pioneer... e già li sentivo dire che i veri dj usavano solo i vinili, con i cd sono tutti capaci di mixare, ecc, ecc, dal 2000 in poi i cdj della pioneer sono diventati uno standard in consolle, i vinili per i dj i così detti "disco mix" non si sono più stampati e nel 2010 la Technics chiude la produzione dell'SL1200/1210 che per oltre 30 anni ha padroneggiato nelle consolle di tutto il mondo! Nel 2008, per le mie performance live, mi sono affacciato sul fantastico mondo di Traktor.

Oggi come ieri, sento dire la stesse cose per i DDJ (Digital Disc Jockey)! Con il pc sono tutti capaci di mixare, se usi il sync non sei un vero dj ed un sacco di altre simpatiche e fantasiose affermazioni sempre sullo stesso tema... he, he...

Personalmente penso che un vero dj è uno che sta sempre al passo con i tempi e si aggiorna sempre, sia musicalmente che tecnicamente; un bravo dj ha una cultura musicale, ascolta di tutto, qualsiasi genere ed ha un bagaglio culturale che gli permette subito di capire se sta ascoltando un disco originale o una cover... Un vero dj sa sempre mettere il disco giusto al momento giusto, in qualsiasi situazione, in discoteca, in un party, un'aperitivo, un'evento... sa leggere il suo pubblico e con raffinatezza selezionare al momento la musica più adatta a lui. La tecnologia per suonare è solo uno strumento nelle mani di un dj, la tecnologia può incrementare la sua tecnica e la qualità di esecuzione, ma il vero dj è colui che suona la musica giusta, che ha la pista piena... il resto sono solo parole degli altri pseudo dj invidiosi.

S. Chiavistelli

2 commenti: